Il Servizio Civile Universale

Servizio Civile Nazionale

Il Servizio Civile Universale opera nel rispetto dei principi della solidarietà, della partecipazione, dell’inclusione e dell’utilità sociale nei servizi resi, anche a vantaggio di un potenziamento dell’occupazione giovanile. I settori di intervento nei quali si realizzano le finalità del Servizio Civile Universale, di cui all'articolo 2 del D. Lgs. n. 40 del 6 marzo 2017, sono i seguenti:

a) assistenza;
b) protezione civile;
c) patrimonio ambientale e riqualificazione urbana;
d) patrimonio storico, artistico e culturale;
e) educazione e promozione culturale e dello sport;
f) agricoltura in zona di montagna, agricoltura sociale e biodiversità;
g) promozione della pace tra i popoli, della nonviolenza e della difesa non armata; promozione e tutela dei diritti umani;
h) cooperazione allo sviluppo;
i) promozione della cultura italiana all'estero e sostegno alle comunità di italiani all'estero.

Finalità

La L. 64/2001 istituì il Servizio Civile Nazionale, nato dall’esperienza dell’obiezione di coscienza alla leva militare obbligatoria. Secondo l’art. 1 della legge 64/2001 il Servizio Civile Nazionale doveva

1) concorrere, in alternativa al servizio militare obbligatorio, alla difesa della Patria con mezzi ed attività non militari;
2) favorire la realizzazione dei principi costituzionali di solidarietà sociale;
3) promuovere la solidarietà e la cooperazione, a livello nazionale ed internazionale, con particolare riguardo alla tutela dei diritti sociali, ai servizi alla persona ed alla educazione alla pace fra i popoli;
4) partecipare alla salvaguardia e tutela del patrimonio della Nazione, con particolare riguardo ai settori ambientale, storico-artistico, culturale e della protezione civile;
5) contribuire alla formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani mediante attività svolte anche in enti ed amministrazioni operanti all'estero.

Il 6 marzo 2017, esattamente 16 anni dopo, il D. Lgs. n. 40 ha superato tale esperienza dando vita al Servizio Civile Universale, che prevede all’art. 2 comma 1 il raggiungimento delle seguenti finalità:


“E' istituito il servizio civile universale finalizzato, ai sensi degli articoli 52, primo comma e 11 della Costituzione, alla difesa non armata e nonviolenta della Patria, all'educazione, alla pace tra i popoli, nonchè alla promozione dei valori fondativi della Repubblica, anche con riferimento agli articoli 2 e 4, secondo comma, della Costituzione.”

Il Sistema

Il Servizio Civile Nazionale è un sistema che prevede la partecipazione di vari attori e l’organizzazione di alcune fasi.

Gli attori:
lo Stato
gli Enti
i volontari

Le fasi:
1) il bando per i progetti
2) la presentazione dei progetti
3) la valutazione e graduatoria
4) l’approvazione dei progetti finanziabili
5) il bando per la selezione dei volontari

Perchè scegliere il SCU

1

Competenze
Nel Servizio Civile Nazionale il ruolo formativo dell’esperienza è riconosciuto per legge /comma e) dell’art. 1 della L. 64/2001). Fare il volontario nel Servizio Civile Nazionale è un’attività ad alta integrazione, cioè ad alto tasso di collaborazione, ed è il risultato dell’esercizio di molteplici competenze chiave o di cittadinanza.

2

Benefici
La legge prevede che ai giovani che hanno svolto attività di Servizio civile nazionale possano essere riconosciuti crediti formativi da spendere nel corso degli studi e nel campo della formazione professionale. L’UNSC ha promosso presso Università ed Enti accreditati la stipula di apposite convenzioni.

3

Testimonianze
"E' un'esperienza molto utile nella vita che aiuta a capire molte cose. Ad un amico direi che non ci sono emozioni più forti di quelle che si provano aiutando chi ha bisogno" Ragazzo, 22 anni